Soffri particolarmente il caldo?

Soffri particolarmente il caldo?

Luglio 2022

Il caldo raggiunge il suo massimo picco nel mese di Agosto. Il sole in questo mese “brucia” “scotta” e “infiamma”. Il nostro corpo chiede di essere rinfrescato nutrendosi maggiormente di verdura e frutta fresche, magari preparando dei buoni e sfiziosi centrifugati o estratti!

Soffri particolarmente il caldo?

La tua pianta ideale è la Menta! Esistono tantissime specie di Menta che per sua natura ibrida molto facilmente, ma la più usata in erboristeria è sicuramente la Menta piperita. La droga, parte della pianta con maggiore azione terapeutica, è la foglia, che si può utilizzare per preparare una deliziosa tisana con proprietà rinfrescanti, digestive, antispasmodiche e carminative. E’ un’ottima aromatizzante, può essere infatti, aggiunta alle tisane con sapori più sgradevoli, per renderle più piacevoli da bere. I dosaggi sono di 1,5 g di foglia secca, per 1 tazza di acqua bollente. L’infusione è di 15 minuti coperta. La stessa tisana, doppiamente concentrata (3 g per 1 tazza d’acqua bollente) la si può usare per fare bagni tonificanti, “raffreddanti” a tutto il corpo o anche a zone specifiche, con maniluvi, pediluvi, semicupi, impacchi e frizioni.

Possiamo trovare la Menta in foglie secche (taglio tisana) ed in olio essenziale. L’olio essenziale è molto potente, 1 o 2 gocce messe direttamente sopra un dente dolente, anestetizza e disinfetta, grazie alle notevoli proprietà antisettiche che possiede. Diffuso nell’ambiente è molto utile per chi studia, in quanto “apre la mente” a nuovi concetti, euforizza, tiene svegli (evitare di diffonderlo nella camera dei bambini la sera!).

E’ uno dei migliori rimedi per il mal di testa: nelle dosi di, 2 gocce di olio di menta diluito in mezzo cucchiaio di un olio base oppure nell’ estratto fluido Iperico Ben(che coadiuva l’azione antidolorifica), va massaggiato sulle tempie fino a completo assorbimento.

Lasci “fluire” la tua vita?

Noi di Alchimia Benoit ti consigliamo UVA URSINA Ben, un estratto fluido (senza alcool), da assumere nel dosaggio 30 gocce 2 o 3 volte al giorno, oppure in tisana. La droga sono le foglie, se ne usano circa 2 g per 150 ml di acqua fredda e si fa bollire per 15 minuti. E’ utile unire una punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio bio, al decotto, per basificare le urine. Il sapore della tisana, è molto amaro. E’ possibile aromatizzare con le foglie di Menta.

Con il caldo tutto “prolifera” anche i batteri! Sono diverse le problematiche che si manifestano in questo periodo, soprattutto a carica dell’apparato urinario. La cistite è sicuramente uno dei più comuni, è un’infiammazione della mucosa vescicale, si manifesta con uno stimolo frequente ad urinare, accompagnato spesso con bruciore. La pianta regina delle infezioni urinarie è l’Uva ursina, che ha un’azione antibiotica e calma il dolore, il bruciore e lo stimolo continuo.

Se poi il tuo è un problema cronico, un rimedio che ti proponiamo, è INFLU-9 Ben.

INFLU-9 Ben, è una miscela a base di piante e oli essenziali, che oltre ad essere utile nelle influenze stagionali (come suggerisce il nome) può rivelarsi davvero risolvente in caso di cistiti.
Il dosaggio in cui assumere questo favoloso rimedio, è di 30 gocce 2-3 volte al giorno.

La sinergia ideale è con LACTOBACILLUS PLANTHARUM Benoit, un rimedio naturale, a base di lattobacilli probiotici ideali per coadiuvare la funzionalità della mucosa degli organi uro-genitali.

Un Consiglio per chi soffre di cistite: “lascia che la vita scorra, fluisca, senza voler a tutti i costi forzare e condizionarne gli eventi!”.

Non riesci a “mandar giù” delle situazioni?

La gastrite è un’altra problematica, dovuta all’infiammazione della mucosa dello stomaco, data spesso, da un aumento dell’acidità gastrica e/o minor protezione della mucosa dovuta a stress psicologici, farmaci. E siccome insieme al cibo, noi “ingeriamo” il mondo che ci circonda, se siamo in vacanza, magari all’estero, possono sorgere difficoltà a digerire cibi e ambienti sconosciuti!

Si manifesta, nelle forme più acute, con bruciore nella parte centrale e alta dell’addome, a volte si irradia al petto, con nausea e vomito. Nelle forme croniche invece, da un senso di peso, gonfiore addominale e digestione lunga, con aria.

Noi di Alchimia Benoit, consigliamo il Diges Ben che facilita il processo digestivo, favorisce l’equilibrio gastro-intestinale e incrementa sia la secrezione salivare che gastrica (se assunto prima del pasto).

Ottimo poi se dopo il pasto si beve una tisana tiepido-calda a base di fiori di Malva per basificare l’ambiente gastrico e sfiammare le mucose, radice di Liquirizia che ha un’azione emolliente sulle mucose gastriche, antisettica e cicatrizzante, fiori di Camomilla che sfiammano le mucose e favoriscono il ripristino della flora batterica intestinale.

Il Fico: il “gastroprotettore” naturale.

Il Fico è albero da frutto dei climi subtropicali temperati appartenente alla famiglia delle Moraceae.

È un albero dal fusto corto e ramoso; la corteccia è finemente rugosa e di colore grigio-cenerino; la linfa è di un bianco latte; i rami hanno gemme terminali acuminate coperte da due squame verdi, o brunastre. Le foglie sono grandi, scabre, oblunghe, grossolanamente lobate a 3-5 lobi, di colore verde scuro sulla parte superiore, più chiare ed ugualmente.

Quello che comunemente viene ritenuto il frutto è in realtà un’ infruttescenza di medie dimensioni, carnosa, ricca di zuccheri a maturità, detta siconio di colore variabile dal verde al rossiccio fino al bluastro-violaceo, cava, all’interno della quale sono racchiusi i fiori. I veri frutti, che si sviluppano all’interno dell’infiorescenza, sono numerosissimi piccoli acheni. La polpa che circonda i piccoli acheni è succulenta e dolce, e costituisce la parte che noi gustiamo d’estate.

Noi di Alchimia Benoit ti consigliamo il macerato glicerico FICUS CARICA Benoit, ottenuto dalle gemme di questa pianta straordinaria!

Questo rimedio ha un’attività lenitiva, digestiva (con meteorismo, areofagia), blandamente lassativa e antispasmodica (tali da poter essere soprannominato: il Gastroprotettore naturale!).

Regola la secrezione gastrica, sia in ipo che in iper, è efficace in caso di gastriti, ulcere gastroduodenali recidive con lenta cicatrizzazione ed è molto utile per chi somatizza (turbe neurovegetative e psicosomatiche) lo stress quotidiano a livello gastrico.

Consiglio per chi soffre di gastrite: “rafforza la tua autostima ed impara a dire di no”!

I dosaggi possono cambiare a secondo della problematica da affrontare ed al peso della persona, ma tendenzialmente sono di 30/50 gocce circa in poca acqua, 15 minuti prima di pranzo e 15 minuti prima di cena, tenute il più possibile sotto la lingua e poi mandate giù.

L’esperto consiglia:
LINEA Benoit

Patrizia Croce,

Erborista e Naturopata innovativa

No Comments

Post A Comment