Il microbiota il nostro antico alleato_TERZA PARTE

Il microbiota il nostro antico alleato_TERZA PARTE

La dieta di milioni di anni.

“Gli Hadza cercano gli stessi animali e piante che gli esseri umani hanno cacciato e raccolto per milioni di anni. Cosa importante: il mix umano-microbico che si trova qui da secoli probabilmente ha modellato aspetti del nostro sistema immunitario e ci ha reso chi siamo oggi. Il significato di essere nella terra degli Hadza non mi sfuggiva.
A differenza degli Hadza, che dormono attorno al fuoco o in capanne erbose, mi è stata data una tenda e mi è stato detto di chiuderla bene visto che c’erano scorpioni e serpenti. Ho dovuto stare attento a dove mettevo i piedi quando dovevo alzarmi per una pipì notturna.

Dopo una notte interessante ma dal sonno discontinuo, per la mia colazione ho mangiato frutti di baobab.
Il frutto del baobab è il fulcro della dieta Hadza, ricca di vitamine, grassi, e naturalmente quantità significative di fibre.
Eravamo circondati da alberi baobab che si allungavano in lontananza fino a dove arrivava l’occhio. I frutti di baobab hanno un guscio duro come il cocco che si rompe facilmente per rivelare un frutto simile al gesso intorno ad un grande seme ricco di grassi. Gli alti livelli di vitamina C fornivano un gusto inaspettato di agrumi.
Gli Hadza hanno mescolato i pezzi gessosi con acqua e li hanno sbattuti energicamente per due o tre minuti con un bastone fino a quando non hanno ottenuto un porridge spesso e lattiginoso che hanno filtrato – in qualche modo – in una tazza per la mia colazione. Era sorprendentemente piacevole e rinfrescante. Poiché non ero sicuro di cosa avrei mangiato il primo giorno, ho bevuto due tazze e all’improvviso mi sono sentito molto pieno.

I miei successivi spuntini sono state le bacche selvatiche presenti su molti alberi che circondavano il campo – le più comuni erano piccole bacche di Kongorobi. Queste bacche rinfrescanti e leggermente dolci hanno 20 volte la fibra e i polifenoli delle bacche coltivate – potente combustibile per il mio microbioma intestinale.

Ho pranzato tardi con alcuni tuberi ad alto contenuto di fibra scavati con un bastone tagliente dalle donne e gettati sul fuoco. Questi ho fatto più fatica a mangiarli, erano come un sedano resistente e terroso.

Ad Hadza-land nulla viene sprecato o ucciso inutilmente; gli Hadza mangiano una sorprendente varietà di specie vegetali e animali (circa 600, la maggior parte delle quali sono uccelli) rispetto a noi in Occidente. L’altra cosa che mi ha colpito è stato quanto poco tempo passassero a cercare cibo,embrava che bastassero poche ore al giorno, semplice come andare in giro per un grande supermercato. In qualsiasi direzione camminassi c’era cibo, per aria, per terra e sotto terra.

Incremento enorme della varietà del microbiota.

Ventiquattro ore dopo Dan e io siamo tornati a Londra, lui con i suoi preziosi nastri audio e io con i miei preziosi campioni di cacca, che poi ho mandato al laboratorio per farli testare.
I risultati hanno mostrato chiare differenze tra il mio campione di partenza e quello dopo tre giorni della mia dieta da procacciatore di cibo. La buona notizia è stata la mia varietà microbica intestinale è aumentata di un incredibile 20%, compresi alcuni microbi africani completamente nuovi, come quelli del phylum Synergistetes.

Le cattive notizie sono state che, dopo pochi giorni, i miei microbi intestinali erano tornati praticamente a dove stavano prima del viaggio.
Ma avevamo imparato qualcosa di importante. Per quanto buona possa essere la nostra dieta e la nostra salute intestinale, non sarà mai buona come quella dei nostri antenati.

Tutti dovrebbero fare lo sforzo per migliorare la salute del nostro intestino rivedendo la dieta e lo stile di vita in un senso più “selvatico”.
Essere più avventurosi nella routine alimentare e riconnettersi con la natura e con la sua vita microbiale associata potrebbe essere ciò di cui abbiamo bisogno.”

Jeff Leach.
Docente di epidemiologia genetica, King’s College, Londra.

 

Tags:
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.