Tabebuia Ben

Tabebuia Ben

In questo nuovo articolo parlerò di una pianta dalle notevoli proprietà curative, la TABEBUIA!

La sua corteccia è usata da tempo sia per uso interno che esterno, è utile per alleviare numerosi disturbi. Gli indigeni sudamericani raccolgono da migliaia d’anni la parte interna della corteccia di un albero chiamato Tabebuia Avellanadae. Questo albero che cresce nelle foreste amazzoniche e nelle montagne di Paraguay, Argentina, Brasile e le zone montagnose della Bolivia e del Perù ha la particolarità che la sua corteccia appena tolta ricresce molto velocemente senza arrecare alcun danno alla pianta stessa.

La Tabebuia appartiene alla famiglia delle bignoniacee ed è anche noto col nome portoghese di pau d’arcu, che significa “bastone per archi”, i suoi fiori sono gialli con varietà rosa, rossi e purpurei; il frutto è una lunga capsula legnosa con all’interno dei semi alati.

Recenti ricerche hanno dimostrato che la tabebuia è efficace nella riduzione di infiammazioni, dolori, nella funzione antimicrobica, antiparassitaria ed antifungina, stimola il sistema auto-immunitario. La tabebuia può essere usata periodicamente come prevenzione durante la stagione fredda e tutte le volte che la possibilità di infezioni è elevata.

La nostra salute sia fisica che mentale dipende esclusivamente dallo stato dei liquidi del nostro corpo e cioè sangue, linfa e liquidi cellulari che se vengono danneggiati portano i nostri organi ad ammalarsi. La maggior parte delle cause delle malattie vanno ricercate nella contaminazione e avvelenamento dei liquidi del nostro corpo dovuto a una nutrizione non corretta e a un modo di vivere sbagliato; infatti la cattiva alimentazione porta lo stomaco e l’apparato digerente in generale a uno stato di affaticamento tale per cui si ha un calo della forma fisica. Attraverso una cattiva digestione, dovuta anche al mangiar in fretta, si arriva alla formazione di feci dure e ad un aumento dei microbi parassiti che alterano la flora intestinale; per cui in un certo senso l’intestino diventa la fabbrica dei veleni per il nostro corpo che poi raggiungono il fegato ed entrano nelle cellule di tutto l’organismo.
E’ quindi necessario disintossicare l’organismo e ripristinare la flora batterica!
La tabebuia è una delle piante migliori per la purificazione dell’organismo, in particolare per il fegato e il sistema linfatico, inoltre rafforza il sistema immunitario e può essere consigliato a tutti poichè con essa il fegato e il sistema linfatico raggiungono condizioni ottimali, senza sforzi e senza effetti collaterali.

Viene usata per il trattamento delle cosi dette sindromi allergiche”; spesso per persone che manifestano reazioni allergiche a lieviti e funghi, in particolare alla Candida albicans: fungo saprofita degli uomini e animali che però spesso sta all’origine di certe allergie alimentari. La componente biochimica della tabebuia è alquanto complessa: registra infatti la presenza attiva di minerali traccia come calcio, potassio, magnesio, fosforo, zinco, silicio, rame, sodio e cobalto, per citarne solo una parte, ma soprattutto contiene composti chimici molto attivi chiamati naftochinoni, tra i quali il lapacholo. Presenti nella parte interna della sua corteccia, sono in particolar modo questi a bloccare l’azione di batteri, virus, funghi responsabili di micosi e parassiti.
Non solo: poiché sostengono l’attività del fegato, svolgono anche una potente azione antiossidante, vale a dire di contrasto ai danni provocati dai radicali liberi. Grazie alla sua azione anti-acidificante, dovuta a sostanze a forte impatto alcalino come calcio, potassio, fosforo e magnesio, la tabebuia viene anche impiegata con successo nella cura della candidosi, come già accennato.
E quindi per riassumere: utile come antibatterico, antivirale, antiparassitario; fungicida; antiinfiammatorio; depurativo; immunomodulante; tonico generale cardiotonico; sedativo, ipotensivo, ipoglicemizzante, analgesico; astringente, antidiarroico; espettorante; febbrifugo.

In definitiva TABEBUIABen (estratto fluido) mantiene le naturali difese dell’organismo e la funzionalità delle prime vie respiratorie; favorisce inoltre le funzioni depurative dell’organismo”.

Dott.Walter Dietinger

L’esperto consiglia:
LINEA Benoit

TABEBUIABen

BIBLIOGRAFIA
• Antioxidant Activity and Characterization of Volatile Constituents of Taheebo (Tabebuia impetiginosa Martius ex DC).
https://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/jf020811h#
• In vitro activity of Brazilian medicinal plants, naturally occurring naphthoquinones and their analogues, against methicillin-resistant Staphylococcus aureus.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0924857902003497
• ANTI-INFLAMMATORY AND ANTIOXIDANT ACTIVITIES OF Phenax rugosus (POIR.) WEDD AND Tabebuia chrysanta G. NICHOLSON
http://www.scielo.org.co/scielo.php?pid=S0121-40042011000100007&script=sci_arttext&tlng=pt
• Bioactive Phenylpropanoid Glycosides from Tabebuia avellanedae
by Maorong Suo 1,2,*,Tomihisa Ohta 1,*,Fumihide Takano 1 andShouwen Jin 2
• Anti-infectious activity in plants of the genus Tabebuia
Francisco Javier Jiménez-González1, Luz Angela Veloza1, Juan Carlos Sepúlveda-Arias2*
• Anti-inflammatory cyclopentene derivatives from the inner bark of Tabebuia avellanedae
Author links open overlay panelLiZhangabIsaoHasegawaaTomihisaOhtaa
• Nitric Oxide (NO) Production Inhibitory Constituents of Tabebuia avellanedae from Brazil
Suresh Awale, Tsukasa Kawakami, Yasuhiro Tezuka, Jun-ya Ueda, Ken Tanaka, Shigetoshi Kadota
• Analgesic and anti-inflammatory effects in animal models of an ethanolic extract of Taheebo, the inner bark of Tabebuia avellanedae
https://www.spandidos-publications.com/10.3892/mmr.2012.989
• Kung HN, Yang MJ, Chang CF, Chau YP, Lu KS. In vitro and in vivo wound healing-promoting activities of beta-lapachone. Am J Physiol Cell Physiol. 2008 Oct;295(4):C931-43. doi: 10.1152/ajpcell.00266.2008. Epub 2008 Jul 23.
• Coelho JM, Antoniolli AB, Nunes e Silva D, Carvalho TM, Pontes ER, Odashiro AN. [Effects of silver sulfadiazine, ipê roxo (tabebuia avellanedae) extract and barbatimão (stryphnodendron adstringens) extract on cutaneous wound healing in rats]. Rev Col Bras Cir. 2010 Feb;37(1):45-51. Portuguese.
• Pereira EM, Machado Tde B, Leal IC, Jesus DM, Damaso CR, Pinto AV, Giambiagi-deMarval M, Kuster RM, Santos KR. Tabebuia avellanedae naphthoquinones: activity against methicillin-resistant staphylococcal strains, cytotoxic activity and in vivo dermal irritability analysis. Ann Clin Microbiol Antimicrob. 2006 Mar 22;5:5.
• Byeon SE, Chung JY, Lee YG, Kim BH, Kim KH, Cho JY. In vitro and in vivo anti-inflammatory effects of taheebo, a water extract from the inner bark of Tabebuia avellanedae. J Ethnopharmacol. 2008 Sep 2;119(1):145-52. doi: 10.1016/j.jep.2008.06.016.
• Park BS, Lee KG, Shibamoto T, Lee SE, Takeoka GR. Antioxidant activity and characterization of volatile constituents of Taheebo (Tabebuia impetiginosa Martius ex DC). J Agric Food Chem. 2003 Jan 1;51(1):295-300.
• Moon DO, Kang CH, Kim MO, Jeon YJ, Lee JD, Choi YH, Kim GY. Beta-lapachone (LAPA) decreases cell viability and telomerase activity in leukemia cells: suppression of telomerase activity by LAPA. J Med Food. 2010 Jun;13(3):481-8. doi: 10.1089/jmf.2008.1219.
• Pereira IT, Burci LM, da Silva LM, Baggio CH, Heller M, Micke GA, Pizzolatti MG, Marques MC, Werner MF. Antiulcer Effect of Bark Extract of Tabebuia avellanedae: Activation of Cell Proliferation in Gastric Mucosa During the Healing Process. Phytother Res. 2012 Sep 12. doi: 10.1002/ptr.4835.
• Dvorkin-Camiel L, Whelan JS. Tropical American plants in the treatment of infectious diseases. J Diet Suppl. 2008;5(4):349-72. doi: 10.1080/19390210802519648.
• Höfling JF, Anibal PC, Obando-Pereda GA, Peixoto IA, Furletti VF, Foglio MA, Gonçalves RB. Antimicrobial potential of some plant extracts against Candida species. Braz J Biol. 2010 Nov;70(4):1065-8.
• Genet J. [Natural remedies for vaginal infections]. Sidahora. 1995 Winter:40-1. Spanish.
• Portillo A, Vila R, Freixa B, Adzet T, Cañigueral S. Antifungal activity of Paraguayan plants used in traditional medicine. J Ethnopharmacol. 2001 Jun;76(1):93-8.
• Melo e Silva F, de Paula JE, Espindola LS. Evaluation of the antifungal potential of Brazilian Cerrado medicinal plants. Mycoses. 2009 Nov;52(6):511-7. doi: 10.1111/j.1439-0507.2008.01647.x. Epub 2009 Jan 9.
• Binutu OA, Lajubutu BA. Antimicrobial potentials of some plant species of the Bignoniaceae family. Afr J Med Med Sci. 1994 Sep;23(3):269-73.
• Machado TB, Pinto AV, Pinto MC, Leal IC, Silva MG, Amaral AC, Kuster RM, Netto-dosSantos KR. In vitro activity of Brazilian medicinal plants, naturally occurring naphthoquinones and their analogues, against methicillin-resistant Staphylococcus aureus. Int J Antimicrob Agents. 2003 Mar;21(3):279-84.
• Anesini C, Perez C. Screening of plants used in Argentine folk medicine for antimicrobial activity. J Ethnopharmacol. 1993 Jun;39(2):119-28.

Tags:
No Comments

Post A Comment