Chlorella, l’alga delle meraviglie

Chlorella, l’alga delle meraviglie

“La Chlorella vulgaris (CV) è stata riconosciuta possedere proprietà antiossidanti e disintossicanti, alga monocellulare, è una delle più studiate alghe al mondo.
É spesso definita come il cibo perfetto, in quanto ricerche condotte negli anni hanno permesso di identificare un sorprendente numero di benefici sulla salute. Mentre è ben nota per la sua abilità nel disintossicare il corpo legando le tossine e permettendo all’organismo di espellerle, questa non è certamente l’unica azione valida.

Un’ impressionante lista di benefici per la salute associati a questa alga verde!
• Ripara i tessuti nervosi
• Aumenta il livello energetico
• Stimola il sistema immunitario
• Normalizza i livelli di zuccheri nel sangue
• Migliora la digestione
• Normalizza la pressione sanguigna
• Promuove un corretto livello di pH nell’intestino, permettendo ai batteri utili di proliferare
• Rimuove i potenziali metalli tossici dal corpo
• Esalta la concentrazione e la focalizzazione
• Elimina l’alitosi

La Chlorella può essere benefica ai vegetariani ed ai vegani che cercano una fonte non animale di proteine e vitamine del gruppo B. Essendo composta di proteine per circa il 60% e poiché contiene tutti gli aminoacidi essenziali dei quali il corpo necessita, è considerata una “proteina completa”.
É anche ricca in:
· GABA (acido gamma amino butirrico)
· Folati (come l’acido folico)
· Vitamina B12
· Ferro

La Chlorella può prevenire o trattare
> Insulino resistenza – Quest’anno, i ricercatori hanno scoperto che la Chlorella ha la capacità di migliorare la sensibilità fruttosio-indotta dell’insulina. Come discusso in numerose occasioni, l’eccessivo consumo di fruttosio è la causa numero uno dell’insulino resistenza e del diabete di tipo 2. In questo studio sugli animali, dopo essere stati nutriti con mangimi ricchi in fruttosio per 4 settimane, ai ratti venne somministrata la Chlorella tre volte al giorno per 5 giorni, il che ha riportato alla normalità i valori di glucosio-insulina.
Gli autori hanno concluso che “La somministrazione orale di questa alga permette di migliorare la sensibilità all’insulina e può rappresentare un valido aiuto nella terapia dei pazienti con insulino resistenza.”
> Disintossicazione – E’ particolarmente di aiuto quando usata insieme alla sauna ad infrarossi ed assunta due ore prima della sauna. In questa maniera la Chlorella è presente nell’intestino, capace di legare le tossine che vengono rilasciate durante la sauna. Si legherà irreversibilmente alle tossine e sarà eliminata in tutta sicurezza attraverso le feci.
> Diabete – Recenti studi evidenziano la capacità della Chlorella di migliorare la sensibilità all’insulina. L’alga è capace di migliorare la sensibilità all’insulina e la captazione del glucosio nel fegato di topi con diabete di tipo 1. Gli autori suggeriscono che il suo effetto ipoglicemizzante sia dovuto alla migliorata captazione del glucosio nel fegato e nei muscoli. Un altro meccanismo può essere messo in relazione con l’abbassamento degli acidi grassi non esterificati (NEFA), poiché la sensibilità all’insulina è solitamente ostacolata dal tasso elevato di questi acidi grassi presente nel diabete di tipo 1.
> Ipertensione – I risultati di uno studio in doppio cieco pubblicato due anni fa suggerisce che la Chlorella può significativamente ridurre la pressione alta ed i casi di ipertensione borderline. Gli autori propongono la questa favolosa alga come un benefico supplemento alla dieta per prevenire l’ipertensione arteriosa, senza effetti collaterali.
> Anemia, proteinuria ed edema in gravidanza – L’ipertensione e l’anemia in gravidanza sono due condizioni comuni e potenzialmente pericolose. Una delle cause primarie di queste condizioni è lo stato nutrizionale delle donne. Uno studio pubblicato l’anno scorso evidenzia che la Chlorella può migliorare entrambe queste condizioni nelle donne gravide, probabilmente grazie al suo alto contenuto in folati, vitamina B12 e ferro.
I soggetti ne assunsero sei grammi al giorno, iniziando tra la 12° e la 18° settimana, fino al parto. Il gruppo che la assumeva riportò significativi bassi livelli di anemia rispetto al gruppo di controllo. Inoltre si verificarono minori episodi di proteinuria ed edema, due sintomi associati all’ipertensione in gravidanza. Ancora gli autori conclusero che: “Il supplemento di Chlorella può essere utile come fonte naturale di folati, vitamina B12 e ferro per le donne in gravidanza.”
> Fibromialgia – Sebbene i risultati individuali emersi dallo studio furono vari, vale la pena di considerare l’impiego di questa alga in persone sofferenti per fibromialgia.
Lo studio pubblicato nel 2000 verificò l’efficacia di due prodotti commerciali a base di Chlorella in persone con diagnosi di fibromialgia ed il risultato mostrò un 22% di riduzione nell’intensità del dolore. Comunque, mentre sette persone riportarono un miglioramento nei sintomi, sei persone non riportarono alcun effetto, mentre cinque pazienti affermarono di aver avuto un peggioramento. Questo è da tenere presente se si decide di provare l’alga: alcuni ne avranno beneficio, altri no.

Un potente agente disintossicante
I metalli pesanti tossici, come pure la tossicità da sostanze chimiche, sono divenuti alcuni dei più pressanti attacchi alla salute dei nostri giorni e qui è dove la clorella può essere estremamente utile. La sua abilità nel legare le tossine da metalli pesanti, permettendo che siano eliminate in tutta sicurezza dal corpo, è stata riconosciuta. La sua capacità è cruciale nell’eliminazione sistemica del mercurio, perché la maggior parte del mercurio viene eliminata con le feci. Una volta che il carico di mercurio si è abbassato nell’intestino, questo metallo inizierà a migrare dagli altri tessuti verso l’intestino dove la clorella lo potrà rimuovere.

Il dettaglio fondamentale dell’efficacia della Chlorella
La chiave della funzione disintossicante di questa alga risiede all’interno delle sue cellule, protette da membrane fibrose (cell walls) non digeribili dagli esseri umani. Ecco perché molti prodotti a base di Chlorella specificano che le membrane cellulari sono state rotte, per descrivere il fatto che in questo modo l’alga è resa digeribile.
Se un prodotto non riporta specificato che le membrane cellulari delle alghe utilizzate sono rotte, assumere quel prodotto equivale a buttare i soldi nella toilette, poiché la Chlorella passerà semplicemente inalterata attraverso l’intestino, senza produrre alcun effetto benefico.
Anche se non siete dei fautori della integrazione alimentare, perché pensate che quello che vi serve si trovi già nei cibi che consumate, considerate il fatto che la Chlorella può considerarsi essa stessa un ottimo cibo, ma deve essere per forza di cose lavorata in maniera appropriata e diventare quindi un integratore affinché esplichi le sue meravigliose proprietà benefiche sulla salute e possa quindi costituire un’ottima aggiunta ad una dieta sana.

Possiamo trovare la Chlorella nell’integratore SPICLO-C Benoit della ditta ALCHIMIA BENOIT, in combinazione con Spirulina e Rosa canina. Un’ottima sinergia per rafforzare il nostro sistema immunitario.
Un nuovo studio pubblicato su Progress in Cardiovascular Disease il 12 febbraio di quest’anno rivela che la spirulina può avere un enorme potenziale per aumentare la risposta dell’interferone di tipo 1 del corpo nel combattere le infezioni virali da RNA.

L’esperto consiglia:
LINEA Benoit

SPICLO-CBen

Spirulina e Rosa canina esplicano un’azione di sostegno e ricostituente; la Chlorella favorisce le naturali difese dell’organismo.

BIBLIOGRAFIA
• High Dose Vitamin C and Influenza: A Case Report – Author(s): Michael J Gonzalez1; Miguel J Berdiel2; Jorge Duconge3; Thomas E Levy4; Ines M Alfaro5; Raul Morales-Borges6 Victor Marcial-Vega7 Jose Olalde8
1University of Puerto Rico, Medical Sciences Campus, School of Public Health, San Juan, PR ; 2Berdiel Clinic, Ponce, PR ; 3University of Puerto Rico, Medical Sciences Campus, School of Pharmacy, San Juan PR ; 4Riordan Clinic, Wichita, KS ; 5Alpha Institute of Preventive Care, Caguas, PR ;6Integrative Optimal Health of Puerto Rico, San Juan, PR ;77.Universidad Central del Caribe School of Medicine, San Juan PR ;8Centro Medico Adaptogeno (CMA), Bayamon PR
• Citation: Gonzalez MJ et al (2018) High Dose Vitamin C and Influenza: A Case Report. J Orthomol Med. 33(3)
• Byun SH, Jean Y. Administration of Vitamin C in a Patient with Herpes Zoster –a case report. Korean J Pain. 2011; 24:108–111.
• Carr AC, Maginni S. Vitamin C and Immune Function. Nutrients 2017; 9: 1211-1236.
• Ely JT. Ascorbic acid role in containment of the world avian flu pandemic. Exp Biol Med 2007;232(7):847-51.
• Evans RM, Currie L, Campbell A. The distribution of ascorbic acid between various cellular components of blood, in normal individuals, and its relation to the plasma concentration. Br J Nutr. 1982; 47:473-482.
• Gonzalez MJ, Miranda-Massari JR, Berdiel MJ, Duconge J, Rodríguez-López JL, Hunninghake R, Cobas-Rosario VJ.High dose intraveneous vitamin C and chikungunya fever: A case report. J Orthomolec Med. 2014;29(4):154-156.
• Gonzalez MJ, Berdiel MJ, Miranda-Massari JR, Duconge J, Rodríguez-López JL, Adrover-López PA. High dose intravenous vitamin C treatment for zika fever. J Orthomolec Med 2016;31(1):19-22.
• Harakek S, Jariwalla R, Pauling L. Suppression of human immunodeficiency virus replication by ascorbate in chronically and acutely infected cells. Proc Natl Acad Sci USA. 1990; 87:7245–7249.
• Hemilä H and Herman ZS. Vitamin C and the common cold: A retrospective analysis of Chalmers’ review. J Am Coll Nutr 1995;14(2): 116-123.
• Jariwalla RJ, Harakeh S. Antiviral and immunomodulatory activities of ascorbic acid. Subcell Biochem. 1996;25:213-31.
• Kim Y, Kim H, Bae S, Choi J, Lim SY, Lee N, Kong JM, Hwang Y, Kang JS. Vitamin C Is an Essential Factor on the Anti-viral Immune Responses through the Production of Interferon-α/β at the Initial Stage of Influenza A Virus (H3N2) Infection. Immune Network. 2013;13(2):70-74.
• Klenner FR. The treatment of poliomyelitis and other virus diseases with vitamin C. South Med J 1949; 3(7):209-214.
• Klenner FR. Massive doses of vitamin C and the virus diseases. South Med J 1951;113(4):101-7.
• Levy, TE.Curing the Incurable: Vitamin C, Infectious Diseases, and Toxins by Henderson, Nevada; Livon Books, 2002.
• Longo DL . Chapter 187: Influenza. Harrison’s principles of internal medicine (18th ed.). New York: McGraw-Hill. 2012.
• Madhusudana S, Shamsundar R, Seetharaman S. In vitro inactivation of the rabies virus by ascorbic acid. Int J Infectious Dis. 2004; 8:21–25.
• Marcial-Vega V, Gonzalez- Terron I, LevyTE. Intravenous ascorbic acid and hydrogen peroxide in the management of patients with chikungunya. Boletín de la Asociación Médica de Puerto Rico 2015; 107(1):20-4.
• Pauling L. The significance of the evidence about ascorbic acid and the common cold. Proc Natl Acad Sci U S A. 1971;68:2678–2681.
• Stone I. The healing factor: Vitamin C against disease. Grosset and Dunlap, New York, 1972.
• Thompson WW, Shay DK, Weintraub E, Brammer L, Cox N, Anderson LJ, Fukuda K. Mortality associated with influenza and respiratory syncytial virus in the United States. JAMA 2003;289(2):179-86.
• Vargas-Magne R.Vitamin C in treatment of influenza, El Dia Med 35: 1714, 1963.
• Zarubaeva VV, Slitaa AV, Lavrentyevaa IN, Smirnovb VS. Protective activity of ascorbic acid at influenza infection. Russian J Infection and Immunity 2017; 7, (4): 319–326.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.